Significativamente Oltre

VELTRONI SI, MA….

di Fernando Cancedda
Conosco personalmente e apprezzo Walter Veltroni da quando era solo un giovane e intelligente funzionario addetto alle comunicazioni del PCI.
Non dubito che sarebbe una guida eccellente per il PD.
Non mi piace però il modo confuso e plebiscitario in cui si sta progettando e preparando la sua elezione, prima che il sindaco di Roma abbia chiarito e precisato agli elettori della Costituente quale cammino propone, tra le diverse strade possibili per un soggetto politico plurale come quello che sta per nascere.
Mi pare – questo modo di procedere, non ovviamente Veltroni – un altro pericoloso passo avanti verso una sorta di “democrazia demoscopica” in cui le urne servono solo a ratificare quello che in alto è già stato deciso in base all’indice di popolarità di questo o quel concorrente.
La personalità e l’affidabilità dei candidati non può non contare, ma la partecipazione democratica non può esaurirsi in un feeling, che oggi c’è e domani chissà. Anche il giudizio sul passato politico è importante, ma non è sufficiente, perché mutano i tempi e le circostanze.
Scegliere tra politiche chiare e alternative, meglio se abbastanza precise da non riscuotere il consenso universale: questa è la NUOVA POSSIBILITA’ che iscritti ed elettori del futuro Partito democratico vorrebbero darsi. Se tale possibilità non ci fosse, diciamolo chiaro, non avremmo dato vita a un partito “nuovo”.
Walter Veltroni, già segretario diessino, sarebbe plebiscitato a ottobre segretario di un partito di centro sinistra che ha sbarcato la cosidetta sinistra radicale e imbarcato la Margherita. Questo è tutto.
Se non è questo che si vuole, almeno da parte nostra, smettiamo per un po’ di parlare di candidati e mettiamoci con i candidati a parlare concretamente di contenuti politici, prescindendo sentimentalmente da chi li propone.
Parliamo dunque di come attuare concretamente la riforma del potere e della politica, la nuova legge elettorale, nuove regole per il mercato del lavoro e la previdenza, la politica dell’energia e dei consumi in un nuovo modello di sviluppo, la sicurezza e la giustizia, la laicità dello Stato, la politica estera delle alleanze e la messa al bando di tutte le armi di distruzione di massa, il sostegno alla famiglia e ai soggetti più deboli, i rapporti tra scuola pubblica e scuola privata, tra la sanità pubblica e quella privata, lo sviluppo della ricerca e dell’innovazione, ecc.
Invitiamo i candidati che si proporranno nelle circoscrizioni locali a esporsi, senza ambiguità e demagogia, su questi temi o su alcuni di essi, in modo che almeno localmente sia possibile, da parte nostra, una partecipazione reale. Potrà essere un utile esercizio anche per le primarie che verranno negli anni futuri.
Visita il Sito Nandocan.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login