Significativamente Oltre

Messico, un ‘Pacto’ per lo sviluppo sostenibile e le energie rinnovabili

di Paolo Salerno (pubblicato su Canalenergia)

Lo scorso dicembre, il nuovo presidente degli Stati Uniti del Messico, Enrique Peña Nieto, ha stipulato un patto per la crescita, insieme a tutte le più importanti forze politiche del Paese.

Uno dei punti principali, il 2.4, parla della necessità di favorire una politica che abbia come obiettivo principale la riduzione della produzione energetica da fonti fossili, puntando allo sviluppo delle energie rinnovabili. Per discutere di questi temi, sono state organizzate una Conferenza presso l’Universidad Iberoamericada del DF e un seminario di Medio Ambiente della Universidad de San Luis Potosí, dove si analizzeranno la giovane legislazione in materia, datata 2008, e di come il modello europeo possa suggerire degli spunti di riflessione per migliorarla.

Per ció che riguarda le energie rinnovabili, in particolare, risaltano alcuni aspetti interessanti. Innanzitutto, in Messico non godono di un regime giuridico speciale, come per esempio in Spagna, e non godono, a livello fiscale, delle tariffe incentivanti. Questa situazione comporta un rallentamento nella crescita del settore che, però, allo stesso tempo ha un potenziale tale da stimolare le Istituzioni a riflettere su questi aspetti e cercare le situazioni più efficaci per lo sviluppo. Questa condizione è dettata soprattutto dal fatto che non esiste un mercato elettrico aperto, visto che l’impresa statale CFE (che sarebbe la corrispondente della nostra ‘vecchia’ ENEL), ha il monopolio.

Nonostante questa situazione la LEARFTE, che è la legge per la promozione delle energie rinnovabili, permette che in alcuni casi i privati possano produrre energia per l’autoconsumo, normalmente dopo che la Segreteria dell’energia abbia dato la concessione. Questo sistema permette non solo ai piccoli proprietari, ma anche alle imprese piccole e medie di produrre la ‘propria’ energia.

Guardando questa giovane regolazione, riformata già una volta a fine 2012, si può dire che per una diffusione maggiore dovrebbero adottarsi, in linea con il modello europeo, degli incentivi tanto fiscali quanto infrastrutturali. Inoltre sarebbe altamente raccomandabile che venisse introdotta una tassa speciale sulla produzione elettrica da idrocarburi e che la stessa venisse investita nel mercato delle energie rinnovabili. Va da sè che un paese come il Messico, tanto per estenzione, come per risorse ha un potenziale enorme di produzione energetica rinnovabile. Basti pensare che il fotovoltaico e il termoelettrico sono praticamente ancora da lanciare e rappresentano un mercato attraente anche per molte imprese europee.

Il più grande vantaggio del Messico, rispetto all’Europa, è quello di essere un unico Stato e pertanto la legislazione centrale gli consente di poter programmare e sviluppare progetti su tutto il territorio senza dover far conto con i mercati regionali o nazionali. Bisogna anche tener presente, però, il dato che indica una produzione di energia per una quota superiore al 70% da materiali fossili, come carbone e petrolio. La grande disponibilità di queste risorse, e quindi i bassi costi, non fa considerare per il momento come urgente la crescita del mercato elettrico rinnovabile.

In conclusione, Messico ha bisogno di migliorare la sua regolazione, ma allo stesso tempo può essere considerato come uno dei Paesi con più potenzialitá di crescita in questo settore, elemento che lo rende molto attraente per gli investimenti esteri.

Paolo Salerno, Innovatore Europeo, avvocato e ricercatore dell’Universidad Complutense de Madrid

2 risposte a Messico, un ‘Pacto’ per lo sviluppo sostenibile e le energie rinnovabili

  • LUCA CUMOLI scrive:

    Siamo una piccola società della provincia di Bologna che opera nel settore delle rinnovabili – idroelettrico-eolico-biomasse- .
    Sono interessato ad eventuali futuri sviluppi e vorrei sapere se sono allo studio iniziateve con associazioni di categoria italiane.
    Lascio i ns. recapiti telefonici : 0534/98236 .
    Saluto e ringrazio.
    Luca Cumoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login