"Significativamente Oltre"

La strana democrazia di 5 Stelle, La Repubblica e Montezemolo: chi comanda non è nel partito

Peppino Caldarola (su Linkiesta)
Sta nascendo una nuova tipologia di partiti (che si dichiarano rigorosamente  non partiti) a direzione occulta, ovvero, per meglio dire, diretti da gente che  se ne sta fuori a guidarli dalle tenebre. Nell’elenco c’è il partito di Grillo,  che pudicamente si autodefinisce movimento ma è un partito, c’è quello di  Montezemolo, c’è quello del gruppo “L’Espresso-Repubblica”. Grillo ci ha già  spiegato che lui sarà dietro le quinte a stabilire ciò che è giusto e ciò che  non lo è, più o meno come accade in Iran con gli ayatollah. Irene Tinagli ci ha  raccontato che nel suo “Italiafutura” Montezemolo svolgerà un ruolo di difficile  catalogazione ma anche lui sarà un leader occulto, il gruppo editoriale citato  aiuterà la presentazione di una lista, ma ne saranno fuori i tre capi, cioè  Carlo De Benedetti, Eugenio Scalfari e Ezio Mauro.

Sta nascendo una strana democrazia in Italia. Mentre a  destra ci si sta convincendo che forse è bene fare le primarie per eleggere un  signore o una signora che prenda il posto di Berlusconi, e mentre a sinistra  Bersani (che prese poco tempo fa qualche milionata di voti per diventare  segretario di partito) dovrà sottoporsi a una nuova prova per diventare il  candidato premier, c’è questo pullulare di nuovi movimenti, questo formicolio di  società civile, questo insorgere di antipolitica che si svolge nell’ombra e tine  al riparo i grandi burattinai, cioè i capi della nuova forma-partito, il  partito-occulto. Mi viene da dire che è meglio il peggior partito, con regole  democratiche vere, che il miglior movimento affidato nelle mani di uno o più  guru che possono di soppiatto e senza controllo decidere le sorti della politica  e con essa di milioni di cittadini.

Stiamo diventando quello strano paese in cui il massimo di  virtù democratica viene riconosciuta a personalità e movimenti che non si  sottopongono a congressi o a qualcosa di simile. Prendete quel democratico di Di  Pietro: non ha mai fatto un congresso, ha selezionato una classe dirigente  peggiore di quella della prima repubblica, i suoi parlamentari sono stati  oggetto di attenzioni e di scambi per tenere in piedi il vecchio governo. Eppure  Di Pietro, che non fa congressi né primarie, guida la lista di coloro che hanno  qualcosa da insegnare ai partiti ed elogia Grillo sul ricambio generazionale  dimenticando che sia lui sia Grillo sono, anagraficamente e non solo, abbastanza  avanti con gli anni. La lista di Montezemolo, per parlare di un altro partito  occulto, verrà fuori da un’associazione che è fatta di tante belle persone, la  Tinagli è anche brava e carina, ma nessuno sa chi e come sono selezionati i suoi  dirigenti, eppure anche loro criticano i partiti perché poco trasparenti. Il  gruppo editoriale citato è il prototipo della struttura autoritaria, ben più di  quanto lo sia necessariamente ogni giornale, e la sua eventuale lista sarà  formata con un meccanismo di selezione arbitrario, senza alcun rapporto con una  linea politica che è stata di una mutevolezza e anche di un opportunismo  politico da lasciare interdetti.

L’unico che dovrà fare gli esami sarà Bersani e con lui i  suoi contraddittori, si chiamino Renzi o Vendola o altri ancora. Nella Italia  stanca dei partiti invece saremo pieni di movimenti di duri e puri che della  democrazia non sanno che farsene, in cui comanderanno i nuovi ayatollah formati  nei camerini dei teatri, nelle stanze di grandi aziende, nelle redazioni  militarizzate. Sono tutti nipotini di Berlusconi, buonanima. Per questo,  passando sopra a tutti i miei mal di pancia, guardo con affetto a Bersani e tifo  per lui. So che se toccherà a lui comandare, a me e a tanti altri resterà la  possibilità di criticare. Con quegli altri, duri e puri, movimentisti,  espressione della società civile, eccetera e eccetera forse correrò qualche  pericolo come capita nelle democrazie commissariate dai guru, dai para-guru,  dalle strutture di comando occulte.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login