Significativamente Oltre

La morte dei cervelli – 2

cervello

di Massimo Preziuso

Fa paura notare come in una Europa in cui il tasso di disoccupazione, in alcuni casi, è raddoppiato in un solo anno, non ci siano rivoluzioni (sociali ed economiche) in corso, né si riescano ad immaginare. C’è invece una Europa che si chiude invece di lottare. Una Europa rassegnata, che ha paura di tornare ad essere innovativa ed all’avanguardia, come la storia ci ha detto. Mentre i paesi emergenti ci aggrediscono con un cocktail di ricerca, innovazione e voglia di futuro, l’Europa si arrocca. Mentre lì lo sviluppo è guidato dai giovani e dalle donne, nel nostro Paese, l’Italia, si continua a tacciare di “stupidità” coloro i quali continuano a dire che è dai giovani e dalle donne che bisogna partire.

L’Italia del 2010 fa davvero paura. E’una Italia di assuefazione alla crisi e alla decadenza. Ed il brutto è che questa verità non la si dice, a tutti i livelli. Non solo nelle TV, ormai divenute “silenziatori dello stato sociale”, ma soprattutto tra le tante associazioni e movimenti – che solo qualche anno fa ruggivano di entusiasmo, nei dibattiti da strada, tra giovani e meno giovani.

Ed è questo il dato “crudo” da cui partire, se si vuole provare a svegliare un Paese ormai immobilizzato. Partire dall’analizzare il perché i nostri cervelli si sono quasi spenti in questi ultimi anni. Facile sarebbe descrivere i motori di questo avvitamento con alcune parole – crisi, berlusconismo,  gerontocrazia, familismo, assenza di meritocrazia – ma ciò non basterebbe.

Bisognerebbe invece analizzare se e come gli italiani abbiano ereditato o sviluppato “comportamenti” che non gli permettono di fare “rivoluzioni” e di opporsi a periodi brutti come questi, vivendoli invece passivamente. E una volta fatta questa analisi, cercare di capire come sia possibile alzare quel tasso di innovazione – rivoluzione che oggi è pericolosamente basso e quando c’è difficilmente ha modo di venire a galla.

Contemporaneamente occorrerebbe capire come, se possibile, riattivare i cervelli, ridare energie, stimolare idee, in un Paese che altrimenti fatalmente muore.

Perché, mentre il Paese si avvia linearmente a vivere a “livelli energetici inferiori”, ci si permette di vedere i nostri cervelli morire?

Non la stiamo rischiando davvero grossa, questa volta?

Non bisognerebbe portare questo macro tema all’attenzione della politica, e di noi stessi, che sembriamo davvero indifferenti a ciò?

2 risposte a La morte dei cervelli – 2

  • Davide scrive:

    Saluti a tutti.
    Non mi pare che in Europa la situazione sia dappertutto la stessa.
    La crisi economica e finanziaria colpisce tutti i paesi.
    A breve termine sembra avere colpito di più chi ha fondato la propria economia sulla finanza speculativa, come ad esempio il Regno Unito.
    Probabilmente la crisi durerà a lungo e comporterà una importante rivisitazione delle regole dell’economia che richiederà anni.
    Ma alla fine di questa transizione non potrà che riemergere la ricchezza reale dei paesi, che é fatta soprattutto dal lavoro, dal lavoro efficiente ed innovativo, dalla ricerca, dalla buona organizzazione, dal risparmio energetico.
    In tutti questi aspetti l’Italia è messa molto, molto male.
    Se il tasso di disoccupazione italiano (= persone che non lavorano in rapporto alla popolazione in età da lavoro) in Italia è in linea con quello di altri paesi europei, il tasso di occupazione (= persone che lavorano in rapporto alla popolazione) è fra i più bassi d’Europa.
    Stiamo inoltre tagliando tutti gli investimenti sul furuto, in termini di ricerca, di formazione dei giovani, di sostegno alle famiglie ed alle nascite (diventiamo un paese di vecchi…). Stiamo persino lasciando emigrare all’estero le menti più capaci.
    Il debito pubblico è quasi fuori controllo, con uno Stato che consuma ricchezze senza fornire altrettanti servizi, quindi impoverendo la popolazione.
    La tassazione sul lavoro impedisce alla stragrande maggioranza delle imprese oneste di sopravvivere, obbligandole all’evasione o elusione fiscale.
    I redditi percepiti dalle famiglie sono oramai ai limiti di sostentamento. Un ulteriore declino sarà la fame.

    Il paese mi pare rassegnato e inconsapevole della gravità della situazione.
    La classe dirigente è alquanto mediocre e le persone capaci vengono sistematicamente tenute fuori dalla classe dirigente.

    Personamente, scusate il pessimismo, la vedo molto, molto brutta per l’Italia.
    Le forze che potrebbero portare dei cambiamenti positive vengono cannibalizzate dal resto del sistema che non riesce più a mantenersi.
    Personalmente ho tenuto acceso il mio cervello.
    Mi sono cercato un impiego all’estero. Se l’Italia va a fondo, spero di non affondare anche io.

    Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login