Significativamente Oltre

La Lista Sapienza

                                                                                                                                                                                libri

(Verso l’assemblea nazionale degli Innovatori Europei, 16 Febbraio a Roma: un invito alla lettura per la classe dirigente e politica, per le elezioni di febbraio)

di Massimo Sapienza

Invece di votare chi scrive agende mediocri non potremmo appoggiare elettoralmente chi ha l’umiltà di leggere grandi pensatori? Provo a fare un mio personale elenco, la lista Sapienza, ossia i miei consigli di lettura per la nostra classe dirigente e politica.

Alcune regole di ingaggio: ho scelto solo libri pubblicati nell’ultimo trentennio, ho scelto solo testi per non addetti ai lavori, ho abbandonato qualunque criterio di organicità e sistematicità, libertà al potere

Ho fatto uno sforzo di selezione “eroico”. La lista è aperta ai vostri suggerimenti. Sarebbe bello arrivare ad avere una grande diffusione e una profonda condivisione. Non mi spingo a sognare che i nuovi parlamentari leggeranno i libri contenuti nel seguito, ma se anche qualche amico dovesse trovare spunti interessanti non potrei che dirmi soddisfatto.

In ogni caso, io sono padre di un piccolo leoncino di tre anni. Se un giorno mio figlio Léon dovesse chiedersi che idee aveva sua padre sulla società potrà leggere la lista e scegliere liberamente se vuole includere nella sua formazione di giovane uomo qualcuno dei libri che io ho amato.

Di seguito la lista Sapienza, 20 saggi e un documentario, suddivisa in 5 macro-argomenti:

Sulla conversione ecologica e sui cambiamenti climatici

  1. “”La terza rivoluzione industriale” di Rifkin perché l’età del carbonio volge al termine e siamo nel secolo delle rinnovabili. Tutto il sistema produttivo ne sarà profondamente modificato e dobbiamo saper governare il cambiamento;
  2. “Piano B” di Thurow perché la pressione demografica e il suo impatto sulle risorse idriche e sulle terre coltivabili, il riscaldamento globale e tanti altri problemi capitali richiedono un serio ed organico piano di mobilitazione e rappresentano, fra l’altro, una importantissima opportunità di crescita. Gratis in rete (http://www.indipendenzaenergetica.it/index.php?option=com_content&view=category&id=51&Itemid=64);
  3. “Home” di Arthus-Bertrand. Un film gratuito disponibile on-line con immagini meravigliose del nostro pianeta e messaggi importantissimi. 89 minuti che cambiano la vita;
  4. Tempo Rubato”, di Robert perché l’attuale sistema dei trasporti è un pezzo importante del vecchio modo di intendere la vita. Cambiare il modo in cui spostiamo uomini e merci ci consentirà di fare un altro salto verso un mondo sostenibile. Gratis in rete (http://www.quarantina.it/vecchiosito/pdf/articoli/robert,%20tempo%20rubato%20(321%20kb).pdf);
  5. Collasso” di Diamond perché è importante riflettere su quanto le civiltà siano frutto di un delicato equilibrio. Leggere la storia delle società del passato che non sono riuscite a mantenersi in equilibrio dovrebbe darci la spinta per rilanciare la nostra società e fare le scelte “giuste”;
  6. “Il mondo senza di noi” di Weisman. Per tutti quello che si credono insostituibili. Perche’ il pianeta Terra ha una enorme capacita’ di autoregolarsi. Perche’ l’azione dell’uomo e’ martellante, incredibilmente pervasiva ma in gran parte destinata a scomparire. Un libro per chiedersi “che cosa restera’ di noi”;

Sullo sviluppo e la crescita in generale

  1. “Information rules” di Shapiro e Varian perché, anche se Internet è ormai ovunque nella nostra vita, raramente la consapevolezza del valore dell’informazione e delle reti va oltre qualche slogan. Poiché il presente e il futuro passano per quella strada, non rimane che imparare (http://www.inforules.com/);
  2. La cultura è una industria, forse la più importante a tendere. Per farlo capire a chi la considera solo un lusso, “Creative Destruction” di Cowen, un libertario eclettico che spiega come la globalizzazione modifichi la produzione culturale;
  3. Landes di “La ricchezza e la povertà delle nazioni” perché un grande storico è quello che ci vuole per mostrare le cause del divario crescente fra ricchi e poveri. Da leggere e studiare per capire quanto siano importanti “società aperta”, “lavoro” e “progresso tecnologico”;
  4. “La singolarità è vicina” di Kurzweil perché se si assume che il progresso tecnologico acceleri costantemente il 2030 sarà davvero un altro mondo. Sembra fantascienza, ma guardare lontano consente di andare dove si vuole davvero invece che inseguire e farsi trascinare;
  5. I tre imperi” di Khanna in rappresentanza della geopolitica, una disciplina difficile e mutevole. Venne accolto come “la bibbia del settore” e dopo 4 anni si cominciano a vedere i segni del tempo. Se si vuole conoscere il mondo non resta che studiare sempre e tanto;

Sul diritto e sui diritti

  1. Un libro di filosofia morale: “Created from animals” di Rachels. Pensare ai diritti degli animali è un modo fresco e potente per ripensare e rivendicare i diritti civili di tutti, uomini, animali e piante;
  2. “Legge, legislazione e libertà” di Hayek perché senza legge non c’è stato e vita sociale. Il dibattito sulla legalità però non riguarda solo la magistratura ma anche cosa sono e come si fanno le leggi. Su questi temi le società occidentali hanno dimenticato quasi tutto. La crisi di legalità inizia quando non si hanno più delle “vere leggi”;
  3. Ancora dalla parte delle bambine” di Lipperini perché le differenze di genere pesano ancora a 40 anni dal saggio originario della Giannini Bellotti. I nuovi media pesano nell’educazione e nel formare i pre-concetti su “maschile” e “femminile” che poi condizionano la nostra vita. Anche per chi non crede, come me, che uomini e donne siano un tutt’uno indistinto meglio non dimenticare quanto veniamo “addestrati” ad essere diversi

Sulla società

  1. “Bowling alone” di Putnam perché la cittadinanza è vera ricchezza ma è maledettamente complessa. Non di solo capitale fisico vive il sistema ma abbiamo bisogno di tanto capitale sociale;
  2. “Superclass” di Rothkopf perché il rapporto fra Stati Nazione ed élite sta cambiando a favore delle seconde per via della globalizzazione. Oggi 6.000 persone “dominano” il pianeta. Un libro serio per chi non è cospirazionista ma vuole capire le dinamiche del potere e immaginare come modificarle;
  3. “Altissima povertà” di Agamben, un mio omaggio personale al sogno rivoluzionario che da quasi 2 millenni cerca di creare uomini nuovi dalla “vita perfetta”, abbracciando una regola. Un messaggio sempre attuale perché si possono e si devono guardare le cose con occhi diversi. Concetti quali “proprietà” e “povertà” hanno uno spazio di possibilità molto più ampio di quello al quale ci ha abituato la consuetudine moderna;
  4. Price of Inequality” di Stiglitz perché la distribuzione del reddito sta mutando in maniera molto significativa e questo fenomeno va conosciuto, compreso e valutato in tutti i suoi risvolti. E’ un argomento sul quale non dovrebbe essere ammessa né ignoranza, né preconcetto;

Sulla crisi e la finanza

  1. “Irrational exuberance” di Shiller, uno dei massimi esperti di finanza, perché la volatilità ci fa capire che l’avidità deve essere limitata, altrimenti la finanza, che è uno strumento di sviluppo, diventa “cattiva” (http://www.irrationalexuberance.com/);
  2. “This time is different” di Reinhart e Rogoff ancora sulle crisi finanziarie e sulla fragilità dei meccanismi di fiducia. Il tema è difficile ed è d’attualità mi perdonerete se dedico due saggi a questo argomento;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login