Significativamente Oltre

Visione

Innovatori-Europei-def

Innovatori Europei – European Innovators è una realtà associativa oggi presente – in maniera concreta – in numerose città italiane ed internazionali ed annovera nelle proprie file personaggi di spicco provenienti dalla società civile, dalle professioni, dal mondo cattolico, dall’imprenditoria, dal mondo intellettuale e politico.

Dal 2006 attiva come centro studi e movimento politico, Innovatori Europei ambisce a diventare elemento di aggregazione di tante realtà innovative e europeiste, realizzando con esse importanti progetti di cambiamento per il Paese.

Innovatori Europei vede in Europa e nel Mediterraneo il baricentro dello sviluppo mondiale dei prossimi decenni, nell’Italia il naturale attrattore di nuova ricchezza e nuovi saperi, ed in Roma la futura capitale culturale dell’area euro-mediterranea.

Innovatori Europei crede che nell’Europa rinnovata una ridistribuzione della ricchezza – a mezzo di una nuova fiscalità partecipata – sia urgente e necessaria, per avviare cantieri di crescita sostenibile, i cui protagonisti siano i giovani e le donne, e che la cultura universitaria, la ricerca e l’innovazione siano fondamentali motori di cambiamento nella società e nell’economia.

L’Unione Europea, come si è configurata attraverso gli anni, è un organismo politico internazionale che necessita di modifiche e miglioramenti.

Appare ormai indispensabile: coordinare, ma non imporre, le politiche europee attraverso istituzioni comuni, specialmente per quelle economiche e fiscali; semplificare i processi decisionali con l’approvazione a maggioranza qualificata; ampliare le competenze del Parlamento europeo; rivedere, per farne motore di crescita sostenibile, il Fiscal Compact, attivando contestualmente strumenti finanziari con cui avviare cantieri di sviluppo nell’area euro-mediterranea.

Questi i principali elementi di aggregazione dei popoli europei, in una strada accidentata e difficile, che conduce verso mete esaltanti ma complesse e all’approdo degli Stati Uniti d’Europa.

Finita la prima fase della globalizzazione, a cui ha partecipato non da protagonista, oggi il nostro Paese si trova a pagarne le conseguenze, principalmente in termini di mancata competitività.

Per sanare tali ritardi, è fondamentale partire da due semplici obiettivi, da raggiungere a partire dall’avvio di cantieri per lo sviluppo: crescita e lavoro

Il sistema fiscale italiano è freno alla nostra competitività, in quanto rende oggi impossibile la creazione di nuova ricchezza mentre facilita la conservazione di rendite e vantaggi competitivi, e non riesce a combattere l’enorme fenomeno della evasione, a scapito del ceto medio-basso. Esso è altresì collegato ad una spesa pubblica, molte volte inefficiente ed inefficace, che va rivista in maniera intelligente.

Proprio con le risorse liberate, da un sistema di fiscalità realmente progressivo e partecipato e da una spesa pubblica divenuta efficace ed efficiente, il Paese deve urgentemente investire nei settori legati alla sostenibilità del nostro sviluppo, creando lavoro qualificato per  giovani e donne, principali vittime della crisi dal 2007, ma allo stesso tempo unica speranza per il futuro di tutti.

Roma, Febbraio 2013

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login