Significativamente Oltre

Una reale prospettiva di integrazione per la Turchia è strategicamente importante per l’UE

di Gianni Pittella

Istanbul at nightDopo i colloqui con le autorità turche, con i leader dell’opposizione e i rappresentanti delle minoranze, con le ONG che si occupano di religione e di diritti delle donne, termina oggi la mia visita di tre giorni in Turchia.   L’Unione europea deve offrire alla Turchia una vera e propria prospettiva di integrazione. Non è solo il riconoscimento da parte dell’Unione europea dello status della Turchia come paese candidato all’adesione all’UE che è in gioco, ma anche una visione strategica, economica e geopolitica che non si può ignorare. Qualsiasi problema, singolo o nazionale che sia, non dovrebbe penalizzare questo processo. Solo una vera e propria opzione per l’integrazione europea può portare la vita politica turca verso gli standard europei. E solo una vera e propria opzione per l’integrazione europea può assicurare l’attuazione delle riforme su minoranze, diritti delle donne, libertà religiosa e dei media. Un vero e proprio futuro europeo può anche avere un effetto positivo sui negoziati di pace con i curdi e convincere Ankara ad impegnarsi pienamente nella lotta decisiva contro lo Stato islamico.   Non importa quanto tempo richieda questo processo, una maggiore integrazione europea è nell’interesse dell’Europa e della Turchia. Per questo vogliamo aprire il confronto sui capitoli 23 e 24 dei negoziati di adesione (in materia di giustizia, diritti e libertà fondamentali) e in futuro anche sul capitolo 17 (in materia di politica economica e monetaria).   Inoltre, come Socialisti e Democratici, siamo fermamente convinti che sia giunto il tempo per una soluzione globale al problema di Cipro – secondo il diritto internazionale e per il bene delle popolazioni greco-cipriote e turco-cipriote. Per quanto riguarda la recente disputa sui giacimenti di gas naturale nel Mediterraneo orientale, ci aspettiamo che la Turchia rispetti la sovranità di Cipro sulle sue acque territoriali. Allo stesso tempo, ci raccomandiamo che le autorità di Cipro si consultino con le controparti turche nelle attività di esplorazione e di sfruttamento per condividere i benefici per tutti i ciprioti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login