Significativamente Oltre

Speranza: «Il governo deve ripartire dal Sud più spesa e investimenti pubblici»

Intervista a Roberto Speranza di Nando Santonastaso – Il Mattino

Forse davvero la politica si sta accorgendo  del baratro in cui è finito il  Mezzogiorno. Perché dopo le devastanti  anticipazioni del rapporto  Svimez 2014 e la costituzione  dell`intergruppo Mezzogiorno, trasversale  alle forze parlamentari, è il  capogruppo Pd alla Camera Roberto  Speranza – che del nuovo organismo  fa parte – a provare a svegliare  il Palazzo. «Sono rimasto sconcertato  dal silenzio, dall`assenza di dibattito  e di confronto che ha accompagnato  i dati Svimez, contrariamente  a quanto di solito accade in politica  su temi magari anche meno importanti»,  dice Speranza, meridionale  di Potenza.

Silenzio da rassegnazione?

«Non lo so. Mi preoccuperei se si  fosse trattato di indifferenza. Ero  anch`io alla Camera alla  presentazione dei primi dati del  nuovo rapporto Svimez, in qualità  di capogruppo del Pd. E di fronte  alla gravità della situazione mi  sarei aspettato ben altre reazioni.  Sono anni ormai che ci  continuano a piovere addosso  statistiche e rapporti che  documentano quanto sta  accadendo nel Sud: ma non vedo  un dibattito consapevole di tutto  ciò».

Ma non tocca alla politica  assumere questa  responsabilità?  E non è proprio  il partito di  maggioranza  relativa a  doversene fare  carico più degli  altri?

«Intanto prima  ancora della  politica, che ha  certamente le sue  responsabilità,  mi pare che siamo di fronte a una  sorta di impotenza dell`opinione  pubblica, di indifferenza come  dicevo prima. Che è purtroppo un   elemento di novità rispetto al  passato. Perché di fronte a certi  dati è incredibile che non si apra  un dibattito nazionale sul  Mezzogiorno. Oltre tutto i dati del  Pil del secondo trimestre, con un  calo superiore al previsto,  impongono questa scelta: ma se  un Paese non riparte da un`area  che ha perso il 3,5% di Pil in un solo  anno, di cosa discutiamo?».

Già, ma ne è consapevole anche il  governo?

«L`ultima cosa che possiamo fare  su questo tema è dividerci tra di  noi. Io so, ne abbiamo parlato  spesso con Renzi, che il governo è  consapevole di questa situazione.  Io ho un`idea e penso che su di  essa si possa ragionare in termini  concreti. Penso cioè che se non c`è  un`inversione di tendenza rispetto  alla politica del rigore dell`Unione  europea, l`Italia rischia di non  uscirne viva e il Mezzogiorno di  non accorciare più il divario con il  centronord».

Per cui, cosa bisognerebbe fare a  suo giudizio?

«La battaglia del governo in  Europa perché siano superati in  vincoli del 3% del Patto di stabilità  abbia come obiettivo il  Mezzogiorno. Perché è in  quest`area che i danni prodotti da  una regola assurda si fanno sentire  in maniera drammaticamente  elevata. Ed è qui, di conseguenza,  che il cambio di passo avrebbe  risultati decisivi per la  crescita del Paese».

Si spieghi meglio: perché  abbattere il muro del 3%  favorirebbe un ritorno  economicamente  significativo al  Mezzogiorno?

«Perché svincolare gli  investimenti pubblici e  privati da quella soglia  significherebbe rimettere  in moto il Sud nei cui  confronti la spesa in conto  capitale, che è decisiva per le sorti  di un territorio, ha subìto un calo  incredibile. Lo ha rilevato proprio  la Svimez. I tagli agli investimenti   in infrastrutture, ad esempio: se  nel centronord si sono mantenuti i  livelli di spesa per opere pubbliche  di 40 anni fa, al Sud oggi si spende  un quinto di quanto si faceva negli  anni `70».

Sta dicendo insomma che se il  Paese non ripartirà veramente  dal Sud non riuscirà ad  agganciare la ripresa, se ci sarà,  del prossimo anno?

«Certo, ma questo – sia chiaro – non  vuol dire rimettere in  discussione la spending review o  gli impegni internazionali del  Paese. La battaglia che credo  andrà fatta dal governo è per  liberare gli investimenti, non per  altri obiettivi. Abbattere il tetto del  3% e rilanciare il Sud al pari degli  interventi per le scuole e contro la  povertà mi sembrano le priorità  assolute in questa fase. Un Paese  che ha appena dimostrato di  potere e sapere fare riforme  complesse, come quella del  Senato, può e deve ottenere  altrettanta disponibilità  dall`Europa».

Pensa che anche il suo partito  oltre che il governo condividerà  questa scelta?

«Io non ho dubbi anche perché è  arrivato il momento di mettere fine  alla vulgata secondo cui il Sud  avrebbe beneficiato di maggiori  investimenti pubblici. I dati  dimostrano esattamente il  contrario: sul fronte degli  investimenti delle imprese  pubbliche nazionali, cito ancora la  Svimez, al Sud nel 2012 sono  crollati de112,8% rispetto all`anno  precedente mentre al centronord  nello stesso periodo sono saliti del  2,9%».

Eppure la sensazione è che si  rinunci a investire nel Sud  perché in fondo non ne  varrebbe più la pena…

«Io penso che al netto di  chi racconta di un Sud  sommerso di risorse  pubbliche, esista al  contrario una realtà nella  quale i limiti della spesa  emergono in maniera  chiara. Ecco perché un piano di investimenti per il  Mezzogiorno che possa  liberarsi dal vincolo del 3%  può e dev`essere la strada da  percorrere».

Dopo due trimestri negativi, il Pil  meridionale sarà anche nel 2014  con il segno meno. E la Svimez è  pessimista pure nel 2015: non  sarebbe il caso di interventi-choc  per rilanciare questa parte del  Paese?

«Intanto mettiamo al centro della  crescita il Sud perchè la via dello  sviluppo non può che ripartire da  qui dove sono concentrate la  maggiore disoccupazione  giovanile del Paese e la quota più  bassa di occupazione femminile.  Anche per questo la questione  meridionale o come la si vuole  definire è una questione  nazionale. Le scelte per il Sud non  potranno che influenzare  positivamente tutto il Paese. Non  so se occorrerà un intervento choc:  di sicuro il governo ha già  imboccato la strada di assicurare al  Mezzogiorno un sostegno  prioritario nelle sue ultime  misure».

A cosa si riferisce?

«Al pacchetto approvato il 22 luglio  dal consiglio dei ministri che  destina alle regioni meridionali  l`80% di oltre un miliardo e 400  milioni stanziati per la crescita  attraverso i contratti di sviluppo.  Non è un segnale come altri  considerate le potenzialità  espansive del territorio  meridionale e ovviamente anche i  suoi enormi ritardi. Naturalmente  questo non può far dimenticare  che occorrono investimenti forti in  infrastrutture, turismo, reti  immateriali, logistica: e che  servono anche investimenti  privati».

Non abbiamo  parlato finora di  fondi europei,  spesso ritenuti  l`unica  medicina per  guarire  l`ammalato Sud:  è un caso?

«I fondi europei  sono importanti  a condizione che  siano spesi bene.  I ritardi del Sud  in questo specifico settore sono  evidenti: per questo credo che sia  giusta la decisione del governo di  monitorare attraverso l`Agenzia  per la Coesione il loro utilizzo».

Intanto però il governo ha  rinunciato al ministro per la  Coesione: lei ha condiviso questa  decisione?

«Ne ho preso atto e ho fiducia che il  lavoro del sottosegretario  Graziano Delrio sia proficuo e  all`altezza della sfida. Di sicuro sul  terreno dei fondi europei l`Italia si  gioca una partita decisiva. Noi  dobbiamo avere una visione  strategica convinta: perché sfidare  l`Ue sulla soglia del 3% per  investire al Sud vuol dire  naturalmente assumersi come  Paese la responsabilità di  spendere bene le risorse  comunitarie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login