Significativamente Oltre

Primarie PD: alla ricerca di innovazione

 pd

 REPORT DALLE REGIONI

 CAMPANIA

di Osvaldo Cammarota

Il 15 dicembre su l’Unità, nel sostenere la richiesta di Bersani capolista a Napoli, avevamo già segnalato quanto fosse magmatica la situazione nella nostra regione. Avevamo anche suggerito qualche accorgimento per mitigare il rischio di presentare sempre le stesse facce, per non alimentare i mai sopiti conflitti interni al PD. Non abbiamo avuto riscontro.

La lotta per le prime posizioni (quelle più ambite per essere nominati in Parlamento) è destinata a svolgersi senza esclusione di colpi tra “signori delle tessere” e “campioni di voto clientelare” che ancora dispongono di qualche rendita dalle passate e poco esaltanti stagioni.

Colpisce l’esclusione di Mazzarella e Ciriello, due autentiche espressioni della società civile che hanno ben figurato nella legislatura che si sta chiudendo. La loro rinuncia a partecipare alle primarie ci sembra la conferma alle nostre peggiori preoccupazioni.

Confermiamo le nostre raccomandazioni. Se Bersani vorrà “metterci la faccia”, si abbia almeno un listino che possa bilanciare il deficit che si registra rispetto alle sue intenzioni di “… sviluppare i contenuti e i caratteri di governo del Centrosinistra” e …“aprire opportunità alle nuove generazioni”.

Non veniamo meno, tuttavia, all’impegno assunto con la lettera del 20 dicembre di Innovatori Europei al PD.

Sosterremo i candidati che maggiormente si avvicinano al profilo che Bersani vuol dare al PD e che meglio possano corrispondere alla domanda di qualità e innovazione politica.

E’ una ricerca facile, talmente sono pochi. Tra quei pochi, la selezione riguarderà una Donna e un Uomo che abbiano dimostrato qualità e correttezza politica nei loro comportamenti nel tempo. Siamo convinti che “il tempo è galantuomo e i galantuomini si trovano nel tempo”.

In Campania ci vorrà ancora qualche tempo, ma esprimiamo ancora una volta fiducia che anche il Mezzogiorno, prima o poi, saprà contribuire a processi di innovazione più celeri e ancor più necessari nei suoi territori. Diversamente, il PD non sarà il “motore” del cambiamento che tutti auspichiamo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login