Significativamente Oltre

Pd / Lazio : Bachelet versus Gasbarra , sfida all’apparato

di Pier Sorti

 Il  vincolo statutario  regionale – maggioranza assoluta degli aventi diritto per la nomina del segretario –subito riconosciuto come funzionale  al controllo verticale e centralizzato della sua nomina , aveva  ben presto determinato, dalla Direzione nazionale del Pd,  la nomina di un commissario già nel 2009 nella persona dell’ on. Vannino Chiti.

Il  biennio trascorso, anche per un certo signorile distacco del commissario citato, non ha sortito alcun effetto di decantazione nella ridda dei divieti incrociati dei numerosi gruppi di piccolo o grande potere locale, peraltro assai difficilmente riconducibili a nettezza di posizioni politiche di carattere o interesse regionale.

E’ stato naturale che esponenti nazionali del partito , per l’ indecoroso protrarsi del periodo commissariale,  scegliessero la strada di designare un candidato unico che rispondesse alla necessità dei gruppi nazionali di non compromettere ulteriormente i già fragili equilibri della direzione nazionale del Pd.

La dichiarazione di Nicola Zingaretti, aggiuntiva a molte precedenti di dirigenti minori,  favorevole alla nomina dell’ on. Enrico Gasbarra  ( ex partito popolare  e  predecessore di Zingaretti  alla guida della provincia di Roma ), assecondava tale impostazione, con sapienza  di  pesi  e contrappesi , come unica rassicurante strategia per la distribuzione dei poteri  fra i gruppi storici del Pd, nel robusto cemento delle rispettive provenienze diessina e popolare.

Il semplice irrompere della auto candidatura dell’ on. Giovanni  Bachelet, mai precedentemente iscritto ad alcun partito, è apparso immediatamente  come occasione di interrompere il procedere rassegnato ma  perdente dei democratici  laziali e cercare un riscatto del partito dopo i tutt’altro  che lusinghieri risultati del Partito nelle tornate elettorali dell’ ultimo triennio.

Una occasione, è bene precisare , che coinvolge la parte militante effettivamente pensosa del  pericolo di una crisi degli apparati organizzativi e di un dissolvimento di fatto delle ragioni costituenti  del partito stesso.

La crescente ala  protestante del partito è ormai consapevole che la coralità delle doglianze, nel sordo persistere dei gruppi dirigenti, potrà conferire assai scarso giovamento al partito senza parallelo ricorso alla concretezza dell’ azione. 

Come appunto è oggettivamente interpretabile la candidatura alla segreteria regionale di Giovanni Bachelet .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login