Significativamente Oltre

Mediaset gioca ancora il Mundialito

mediasetdi Michele Mezza
 
L’attacco di Fedele Gonfalonieri ai cosiddetti Over The Top della comunicazione, come Google e Amazon, toglie ogni incertezza al dibattito sulle prospettive del mercato italiano multimediale.

Con la sua consueta concretezza brianzola, Fidel, il vero pilota dell’impero di Arcore, mette nel mirino il nuovo nemico, rivelando la bussola che sta guidando il gruppo.

Dal mercato generalista alle nuove relazioni individuali. Questa sembra la grande rivoluzione culturale che si sta elaborando  all’ombra del Biscione. Posizione chiave sarà la newco annunciata dallo stesso Confalonieri, che dovrebbe rinverdire i fasti delle famose scatole  1,2,3, fino a 12 che proteggevano, all’inizio dell’avventura, il tesoro di Berlusconi. La nuova società si candida a diventare la Mediobanca della comunicazione multimediale italiana, una società aperta a tutti i nuovi player , per allestire una grande piattaforma di contenuti on demand, di cui la Pay Tv sarà solo la prima tappa .Il vero obbiettivo è quello di sostituire la vecchia pubblicità tabellare con relazioni dirette con ogni singolo consumatore, creando delle community per ogni prodotto, vendendo così la profilazione del consumatore ai distributori.

Esattamente quello che fa Google e Amazon che diventano i veri avversari. Confalonieri apre così il fronte dell’USB, ossia della porta laterale che rende lo schermo televisivo uno dei tanti device della rete. E’ lì che si giocherà la partita decisiva. Soprattutto in un paese come l’Italia, che a dispetto dei vieti luoghi comuni, è considerato dagli stessi global player un mercato di punta per la grande predisposizione delle comunità ai social network e per la tradizionale propensione ai consumi driving.

Non a caso è in Italia che Google, Amazon, la stessa Facebook intendono sperimentare la versione europea della loro piattaforma  di social TV. Ed è in Italia che si misurerà la conseguenza sul mercato editoriale dell’incursione dei nuovi linguaggi televisivi. Sky ha già predisposto il suo  nuovo bouquet in protocollo IP. In tutto questo brilla  l’assenza totale del servizio pubblico. Ma anche del governo. La vicenda dei 150 milioni rischia di distrarre l’attenzione politica dal vero focus: quale modello di internazionalizzazione del sistema Italia si immagina? Siamo alle soglie di ripetere l’esperienza degli anni ’80, quando sulla scia dell’esplosione, anche allora del tutta imprevista, dei consumi televisivi privati, che Berlusconi confiscò e deviò, si visse una delle più clamorose esperienze di internazionalizzazione passiva di un paese.

In pochi anni l’Italia divenne dai paesi delle mille antenne, con circa mille televisioni locali, al paese degli infiniti spot, con il fatturato pubblicitario televisivo che passo da 90 miliardi di lire nel 1978 alla fantastica cifra di 4000 miliardi nel 1986.Per lo più rastrellati  da Publitalia di Dell’Utri. Un moltiplicatore  del genere non si è mai visto in nessuna economia del mondo. Ora ci risiamo.

Mediaset sta disponendo le truppe, cercando di buttare fuori dal ring i concorrenti più minacciosi e soprattutto di arraffare le disponibilità di chi vuole entrare nel mercato. Ma chi vuole entrare? O meglio chi oggi realmente può entrare in questo mercato. Sicuramente non gli editori tradizionali, che semmai puntano a diversificazioni collaterali, per mitigare le perdite di questi anni. Allora chi è interessato al nuovo mercato dei consumi  individualizzabili? Sicuramente i grandi brand di tendenza: Luxottica, Prada, Conad, Diesel. Sono loro i nuovi editori. Sono loro interessati a costruire community attorno ai loro prodotti che sono sempre più dei media più che degli oggetti. Gonfalonieri lo ha capito e si muove, sparando sul pianista. Rai  gioca ancora sul giardinetto interno. La TV generalista potrebbe ancora recitare un ruolo importante, proprio perchè l’estrema individualizzazione del sistema comunicativo lascia uno spazio per chi vuole ricomporre occasionalmente tribù e comunità attorno a contenuti di senso comune, sorprendendo  chi sceglie solo i prodotti che conosce.

Ma chi lavora in questa direzione? L’azienda non trova ancora un bandolo da seguire. Basta vedere come è stata sprecata la carta del nuovo portale news on line, dove la Rai ancora non riesce a trovare un linguaggio per un servizio di flusso e territorializzato. Basta vedere come la stessa Google sta soffiando al servizio pubblico le committente della digitalizzazione dei sistemi comunicativi locali nelle grandi città e nelle regioni. Davvero sembra tornare al Mundialito del 1982, quando Berlusconi prese velocità sostituendo la Rai nell’immaginario televisivo nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login