Significativamente Oltre

«Basta con i personalismi pensiamo al bene comune»

Secondo il candidato Joseph Di Virgilio cambiare si può

Di Mariella Policheni

TORONTO – «Mi sono candidato perché voglio mettermi al servizio del mio Paese. Ho ritenuto che diciotto anni trascorsi all’estero potevano essere una risorsa da offrire alla politica italiana».

È questa la motivazione che ha spinto Joseph Di Virgilio a presentarsi nella lista “Insieme per gli italiani” per poter essere la voce nel Parlamento italiano dei connazionali residenti in Nord e Centro America. «Rappresenterò la comunità italo-americana del Centro e del Nord conoscendo appieno le difficoltà ed i sacrifici dei connazionali residenti all’estero lontano dalla patria – dice Di Virgilio – essi meritano tutto il sostegno possibile e sono pronto ad accollarmi questa responsabilità».

Ha tanta voglia di fare, Di Virgilio, di rimboccarsi le maniche e cercare di far sì che il cambiamento, quello vero, abbia inizio. «Agevolare la vita degli italiani che hanno deciso di venire a vivere in America è una delle mie priorità – dice Joseph Di Virgilio – ma anche promuovere la lingua e la cultura italiana, tramite sussidi alle scuole, è molto importante». Ma non solo. Per Di Virgilio è anche importante aiutare l’Italia a voltare pagina, a cambiare quello che non va. Come, ad esempio, la cosiddetta fuga “dei cervelli” che vanno a lavorare all’estero. «Da tantissimi anni l’Italia regala talenti e risorse alle altre nazioni ed è giunta, a parer mio, l’ora di arginare questo fenomeno dando la possibilità a tanti italiani all’estero di poter perseguire le proprie ambizioni nel proprio Paese – dice Di Virgilio – in linea con il programma di “Insieme per gli italiani” penso che occorra contrastare il metodo di quei parlamentari italiani che hanno abusato dei loro incarichi, che per perseguire i propri scopi personali hanno trascurato i reali bisogni del nostro Paese».

Ha a cuore il futuro dell’Italia Joseph Di Virgilio che dice di «soffrire nel vedere cosa succede nel nostro Paese».

«L’Italia vanta una tradizione culturale senza paragoni nel mondo i cui segni sono presenti in ogni angolo della terra – dice il candidato di “Insieme per gli italiani” – il Paese è purtroppo alla deriva per colpa di quelli che non vogliono mettere da parte i loro personalismi per il bene comune. Il nostro Paese, a causa del caos della situazione politica italiana, si rende ridicolo e poco credibile a livello internazione. Il lavoro da fare sarà difficile ma personalmente, se sarò eletto, mi adopererò affinché qualcosa cambi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (opzionale)

Codice di controllo
captcha

News da Twitter
News da Facebook
 
Login